Il Rinascimento di Pordenone: riscoprendo Giovanni Antonio de’Sacchis

Il Rinascimento di Pordenone  – l’opera di un grande artista

Pordenone celebra il suo più grande pittore, Giovanni Antonio de’Sacchis detto “il Pordenone”, con una grande mostra prevista dal 25 ottobre 2019 al 02 febbraio 2020. La mostra “Il Rinascimento di Pordenone”, curata da Caterina Furlan e Vittorio Sgarbi, punta ad omaggiare uno dei più grandi artisti del Rinascimento italiano, descritto da Vasari come un pittore votato al continuo miglioramento del proprio stile.

Nato nel 1483, formato da artisti di alto livello come Pellegrino da San Daniele, il Pordenone lavorò in moltissime località del Nord Italia: da Cremona a Mantova, da Treviso a Venezia, senza ovviamente dimenticare la sua regione di provenienza. Molte sono le opere presenti nel territorio di Pordenone e dintorni: dalla celebre Madonna della Misericordia, custodita nel Duomo del capoluogo, alle portelle dell’organo del Duomo di Spilimbergo, agli affreschi nelle chiesette di Valeriano, Pinzano e Travesio.

La vita del Pordenone rimane però avvolta da un mistero: venne infatti trovato morto in un’osteria a Ferrara nel 1539 e alcuni pensano che non si tratti di un decesso accidentale. Negli ultimi anni della sua vita, infatti, il Pordenone aveva acquisito sempre più successo e fama in quel di Venezia, attirando le ire e la gelosia di Tiziano: c’è chi ipotizza che quest’ultimo, invidioso delle ultime commissioni ricevute dal rivale da parte della Serenissima, si sia vendicato nel più crudele dei modi.

Picture credits : Dizionario Biografico dei Friulani

Il Rinascimento di Pordenone – 3 luoghi simbolo

L’esposizione in programma a Pordenone si concentra principalmente nella Galleria d’Arte Moderna, situata all’interno di Parco Galvani, ma si articola anche nella sede del Museo civico d’Arte di Palazzo Ricchieri e nel Duomo cittadino. Il percorso in Galleria d’Arte Moderna presenta, con più di 50 opere, la produzione artistica del Pordenone e di altri artisti: saranno presenti lavori dei suoi precursori, come Gianfrancesco da Tolmezzo, dei suoi contemporanei, come Giorgione, Parmigianino, Tiziano, e dei suoi seguaci quali Pomponio Amalteo (genero del Pordenone), Giulio Licinio, Jacopo Bassano.

Le opere di questa mostra provengono da importanti musei italiani e internazionali come il Louvre di Parigi, il British Museum di Londra, il Rijksmuseum di Amsterdam, il Kunsthistoriches di Vienna, le Gallerie degli Uffizi di Firenze, la Pinacoteca di Brera di Milano, oltre che dai musei e chiese del territorio friulano, veneto e lombardo.

Al Museo civico d’Arte è possibile scoprire altri dipinti e opere del Pordenone visitando il percorso permanente del secondo piano, mentre in Duomo è possibile ammirare la Madonna della Misericordia, un San Rocco (probabile autoritratto dell’artista) e un Sant’Erasmo.

Picture credits by Dizionario Biografico dei Friulani

Un weekend… ad Arte: la nostra offerta per il “Rinascimento di Pordenone”

VENERDÌ 

Arrivo a Pordenone o territori limitrofi e sistemazione in hotel. Se arrivi da ovest puoi fermarti per una passeggiata nel centro storico di Sacile, cittadina che ha meritato l’appellativo di “Giardino della Serenissima”:  essa offre monumenti di notevole interesse artistico, come il Duomo,  nonché suggestivi scorci naturali creati dal fiume Livenza. Se hai tempo, prosegui la visita spostandoti a Polcenigo, uno dei Borghi più belli d’Italia. In serata scopri le eccellenze dell’enogastronomia locale, cenando all’ottimo ristorante “Alla Catina”, nel cuore del centro storico di Pordenone.

SABATO 

Scopri “Il Rinascimento di Pordenone”: organizza la tua giornata in libertà, dedicandoti a scoprire le tracce di Giovanni Antonio de’Sacchis nella sua città natale. Hai diverse possibilità a disposizione per conoscere il centro storico e le opere di questo grande artista.

  • Noleggia delle pratiche audioguide reperibili all’infopoint cittadino. Segui il percorso tracciato dalle audioguide e visita la “città dipinta, che ti stupirà per i suoi palazzi affrescati, per i lunghi portici coperti, e  per il Duomo, dove potrai già ammirare alcune opere di Giovanni Antonio de Sacchis.
  • Dalle 10:00 alle 12.00 e dalle 14:00 alle 18:00 non perderti la mostra in Galleria d’Arte Moderna (viale Dante, 33), mentre dalle 15:00 alle 19:00 potrai visitare il Museo Civico d’Arte: due splendide location per conoscere in modo approfondito le opere del Pordenone.
  • Tra una visita e l’altra goditi l’atmosfera vivace del centro storico di Pordenone, ricco di negozi, enoteche e ristorantini tipici: per un pranzo succulento ti consigliamo la Prosciutteria F.lli Martin, dove potrai assaggiare ottimi piatti a base del “re” della cucina friulana, il Prosciutto di San Daniele. Per cena invece ti proponiamo Osteria Turlonia, situata a soli dieci minuti in macchina dal centro di Pordenone: ti aspetta Federico, giovane chef pronto a raccontarti il territorio locale attraverso le sue ricette ispirate alla tradizione.

DOMENICA

Per il tuo terzo giorno di visite ti consigliamo di non perdere la visita di Spilimbergo, città del mosaico per eccellenza e sede della Scuola Mosaicisti del Friuli, dove all’infopoint locale potrai noleggiare delle comode audioguide che ti accompagneranno nella visita. Spilimbergo, che nel 2013 è stato premiato come “Gioiello d’Italia”, presenta un meraviglioso Duomo con affreschi trecenteschi (tra cui quelli realizzati dal Pordenone sulle portelle dell’organo), un Palazzo Dipinto dalla facciata variopinta, ed un centro storico ricco di vicoli lastricati e portici.

Se sei a caccia di ulteriori tracce lasciate dal De’Sacchis, puoi visitare alcune chiesette situate nello spilimberghese: ti consigliamo la Chiesa di S. Stefano e l’Oratorio di Santa Maria dei Battuti a Valeriano, e il Duomo di Valvasone: qui, il Pordenone iniziò a lavorare sulle porte dell’organo cinquecentesco ancora funzionante, ed il suo lavoro venne terminato dal genero Pomponio Amalteo.

PREZZI (offerta valida dal 26 ottobre 2019 al 02 febbraio 2020)

A partire da 220,00 e a persona La tariffa comprende:

  • 2 notti in hotel 3 stelle in base doppia con trattamento BB
  • 2 FVG CARD 48h  gratuite ( comprende 2 audioguide gratuite a Pordenone, 2 audioguide gratuite a Spilimbergo, 2 ingressi al Museo Civico Arte Palazzo Ricchieri, 2 ingressi alla Galleria d’Arte Moderna )
  • 1 cena al ristorante “La Catina”, o simili, 3 portate bevande escluse
  • 1 cena al ristorante “Osteria Turlonia o simili, 3 portate bevande escluse
  • 1 pranzo alla “Prosciutteria F.lli Martin”, 2 portate bevande escluse.

Contattaci per prenotare o avere maggiori informazioni!

Attività opzionale: in alcune date specifiche (16 novembre 2019, 14 dicembre 2019, 18 gennaio 2020), puoi prenotare un’ulteriore, coinvolgente attività interattiva, che ti permetterà di esplorare la suggestiva cittadina di Spilimbergo: clicca qui per maggiori informazioni.

2 Comments

Join the discussion and tell us your opinion.

lorenzo ghiringhellireply
ottobre 12, 2019 at 12:58 pm

il vostro link “contattaci” da errore 404, come si fa a contattarvi per avere un’offerta chiamata “rinascimento a Pordenore”?

pordenoneturismoreply
ottobre 14, 2019 at 6:56 am
– In reply to: lorenzo ghiringhelli

Gentilissimo, ci scusiamo per l’errore. Basterà inviarci una mail a [email protected], restiamo a disposizione!
Lo staff di Pordenone Turismo

Leave a reply